Multimodal Hub Sharing, il Comune di Montesilvano partecipa al Programma di mobilità sostenibile del Ministero dell’Ambiente

Il Comune di Montesilvano ha presentato la domanda di partecipazione al “Programma sperimentale Nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”, approvato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.


«In un’ottica di condivisione di risorse e idee - spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Valter Cozzi – il nostro Comune si è unito a quelli di Spoltore, Francavilla al Mare, Città Sant’Angelo e San Giovanni Teatino - per partecipare a questo programma che può rappresentare un’opportunità non solo di incentivare la mobilità sostenibile, ma anche di sviluppare la vocazione turistica dell’intera area metropolitana».
Il Programma prevede “il finanziamento di progetti, predisposti da uno o più enti locali e riferiti ad un ambito territoriale con popolazione superiore a 100.000 abitanti, diretti ad incentivare iniziative di mobilità sostenibile, incluse progettualità di piedibus, di car-pooling , di car-sharing, di bike-pooling e di bike-sharing, la realizzazione di percorsi protetti per gli spostamenti, anche collettivi e guidati, tra casa e scuola, a piedi o in bicicletta, di laboratori e uscite didattiche con mezzi sostenibili, di programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell'inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici o delle sedi di lavoro, anche al fine di contrastare problemi derivanti dalla vita sedentaria. Tali programmi possono comprendere la cessione a titolo gratuito di «buoni mobilità» ai lavoratori che usano mezzi di trasporto sostenibili”. La richiesta di co - finanziamento presentata dal gruppo di Comuni, di cui l’Ente montesilvanese è partner capofila, ammonta a 571.560 €.
«Con Multimodal Hub Sharing - afferma ancora Cozzi - sarà possibile riqualificare spazi urbani dedicati a sistemi di interscambio modale eco efficienti e sostenibili, in grado di garantire in un’unica area servizi di trasporto alternativi, ad energia rinnovabile. La zona individuata sul nostro territorio è quella dei Grandi Alberghi, punto nodale nell’accoglienza turistica della nostra città. Attraverso il progetto, potremo dunque razionalizzare ed efficientare le infrastrutture ed i servizi relativi al trasporto pubblico locale tra la costa e la collina, mettendoci in sinergia, attraverso un protocollo d'intesa con i 4 Comuni di Francavilla al Mare, Spoltore, Città Sant’Angelo e San Giovanni Teatino».