Giustizia riparativa, rinnovata la convenzione con il Carcere di Pescara

Nuovo rinnovo per la convenzione stipulata dal Comune di Montesilvano con la Casa circondariale di Pescara. La Giunta ha infatti deciso di confermare il protocollo sottoscritto dal sindaco Francesco Maragno e dal direttore del carcere di Pescara, Franco Pettinelli, che consentirà l’impiego di un detenuto, nell’ambito del progetto di “giustizia riparativa per l’inserimento lavorativo e il recupero del patrimonio ambientale locale”. Il detenuto, individuato dall’equipe di educatori della casa circondariale, dopo un breve corso di formazione, potrà iniziare il progetto. Le attività lavorative previste nella convenzione consistono nella pulizia e nella manutenzione con finalità di recupero naturalistico e di riqualificazione ambientale.

«Come già accaduto lo scorso anno – afferma Danilo Palumbo, che ha seguito il progetto in qualità di consigliere comunale e agente di Polizia Penitenziaria - la Casa circondariale di Pescara ha individuato un soggetto che potrà essere impiegato in lavori di piccola manutenzione sul territorio di Montesilvano. In questo modo verrà data al detenuto un’opportunità di riscatto e di reintegro nella società, e al tempo stesso verrà offerto un servizio alla cittadinanza, mediante la cura e lavori di piccola manutenzione in una zona della città».

Il detenuto svolgerà le sue prestazioni sotto la supervisione del consigliere Palumbo, nominato tutor per la Polizia Penitenziaria. Le attività lavorative si svolgeranno dalle 9 alle 13, per 5 giorni a settimana, e per tre volte anche il pomeriggio dalle 14:30 alle 17:30.