Bandi di Gara

Bando - Contributi attività produttive danni eventi calamitosi 2013- 2015

CONTRIBUTI A FAVORE DI ATTIVITA’ ECONOMICHE E PRODUTTIVE IN CONSEGUENZA DEGLI EVENTI CALAMITOSI CHE HANNO COLPITO IL TERRITORIO DELLA REGIONE ABRUZZO NEI GIORNI DALL’11 AL 13 NOVEMBRE E IL 1° E 2 DICEMBRE 2013 E NEL FEBBRAIO-MARZO 2015 PER DANNI OCCORSI ALLE ATTIVITA’ ECONOMICHE E PRODUTTIVE:
PRESENTAZIONE DOMANDE ENTRO IL 2 OTTOBRE 2017.

Con delibera del Consiglio dei Ministri del 28. Luglio 2016, pubblicata in G.U. il 6 agosto 2016, sono state definite le procedure per far fronte ai danni occorsi alle attività economiche e produttive a seguito delle calamità naturali che si sono verificate tra il 2013 e il 2015 sul territorio della Regione Abruzzo, per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza e completata la ricognizione dei fabbisogni.

Nell’avviso vengono date indicazioni sulle modalità in base alle quali è possibile presentare le domande di contributo.

Documentazione da scaricare:
Avviso
Allegato A: domanda di contributo,
Allegato A1: atto di notorietà del legale rappresentante dell’impresa in merito alla scheda
C, ai requisiti personali e dell’azienda, ai danni occorsi all’immobili sede
dell’azienda, a eventuali altri contributi o risarcimenti ottenuti,
AllegatoA2: perizia asseverata,
Allegato A3: delega dei comproprietari dell’immobile a un comproprietario,
Allegato A4: dichiarazione di rinuncia al contributo del proprietario dell’immobile,
Allegato A5: rendicontazione delle spese sostenute alla data di presentazione della
domanda di contributo.

Possono presentare domanda per la concessione dei contributi i titolari/legali rappresentanti delle attività economiche e produttive che hanno subito danni già segnalati con le schede C nell’ambito delle attività di ricognizione dei fabbisogni di cui alle OCDPC 150/2014 e 256/2015.
La domanda deve essere presentata entro il 2 Ottobre 2017 mediante posta elettronica certificata (PEC) o consegnata mano all’Ufficio protocollo del Comune (entro le ore 13.00) oppure spedita tramite raccomandata A/R, in questo ultimo caso fa fede il timbro dell’Ufficio Postale ricevente.